Pubblicato il

Brain economics


Articolo in lingua inglese

brain-neurons

Just as explorers set sail to map new worlds, neuroscientists pledge to map the brain, trying to chronicle connections and deduce how they works. But depending on the property we look at, the maps can end up quite different and neuroscientists cannot even agree on how many areas are in it.
What surely neuroscientists agree is that brain must be considered it in its entirety: a vast and interconnected whole, the most complex system in the known universe.

Continua a leggere Brain economics

Pubblicato il

Disabilità e felicità

paralimpiadi-il-trionfo-di-alex-zanardi

L’ ennesima impresa di Alex Zanardi, che è riuscito a trasformare la disgrazia del terribile incidente da pilota nel quale ha perso entrambi gli arti inferiori quindici anni fa, nell’inizio di una nuova fenomenale avventura sportiva nella Handbike, con la quale proprio nel corso di queste Paraolimpiadi di Rio ha portato a casa il terzo oro italiano.

In questi giorni, grazie alle Paraolimpiadi che si stanno tenendo a Rio de Janeiro con la partecipazione di 4350 atleti provenienti da 176 paesi è tornato all’attualità l’infelice tema della disabilità.

“La disabilità è la condizione di chi, in seguito a una o più menomazioni, ha una ridotta capacità d’interazione con l’ambiente sociale rispetto a ciò che è considerata la norma, pertanto è meno autonomo nello svolgere le attività quotidiane e spesso in condizioni di svantaggio nel partecipare alla vita sociale”.

Ma la disabilità implica realmente una ridotta capacità di avere un umore positivo e una vita felice?

Continua a leggere Disabilità e felicità

Pubblicato il

Le alleanze strategiche

Alleanze strategiche

Sono sempre di più le aziende che creano alleanze per assicurarsi ed estendere la loro crescita e il loro vantaggio competitivo, tuttavia molte di queste stanno testimoniando tassi di successo molto bassi.
Le alleanze tra imprese hanno in molti casi generato un paradosso, in quanto nonostante esse vengano create per incrementare il vantaggio competitivo, in realtà in una percentuale che va dal 30% al 70% esse si sono dimostrate fallimentari ed hanno portato ad una distruzione di valore.

Ma che cos’è esattamente un’alleanza strategica? Continua a leggere Le alleanze strategiche

Pubblicato il

Lo sviluppo sostenibile

sviluppo sostenibile

L’esigenza di conciliare crescita economica ed equa distribuzione delle risorse in un nuovo modello di sviluppo ha cominciato a diffondersi dagli anni ’70, in seguito all’avvenuta presa di coscienza del fatto che il concetto di sviluppo classico, legato esclusivamente alla crescita economica, avrebbe causato entro breve il collasso dei sistemi naturali.

La crescita economica di per sé non basta, lo sviluppo è reale solo se migliora la qualità della vita in modo duraturo.

Continua a leggere Lo sviluppo sostenibile

Pubblicato il

Il turista postmoderno

turismo

Anche il turismo come forma moderna di consumo  si è notevolmente diversificato nelgi ultimi decenni, abbandonando quella sorta di “turismo di massa fordista” che aveva predominato nei decenni precedenti e risentendo della pluralizzazione profonda che ha portato alla moltiplicazione e alla differenziazione delle fruizioni.

Come titolava il CENSIS nel 1983, “si è passati dalle vacanze ai turismi“, da una concezione stanziale e stereotipata del fare turismo a una pluralità di motivazioni, mete, tempi, vettori, e modalità che tendono alla personalizzazione e alla segmentazione dei mille turismi pensabili in una società che sembra saper moltiplicare all’infinito le occasioni che generano turismo. Continua a leggere Il turista postmoderno

Pubblicato il

PMI, perchè internazionalizzarsi?

Lo scenario economico attuale, in cui la globalizzazione ha consentito drastiche riduzioni degli ostacoli al commercio, di costi di trasporto, comunicazione e informazione, ha aperto enormi opportunità per le imprese che intendono inserirsi in nuovi mercati.

Tuttavia molte piccole imprese (PMI) incontrano ancora delle difficoltà nell’ampliamento delle loro attività oltre i confini nazionali; esse dipendono tuttora in gran parte dal loro mercato interno. Gli studi hanno già dimostrato il rapporto diretto tra l’internazionalizzazione e l’aumento della redditività delle PMI: l’internazionalizzazione proattiva rafforza la crescita, aumenta la competitività e sostiene la capacità delle imprese di sopravvivere nel lungo periodo.

Continua a leggere PMI, perchè internazionalizzarsi?

Pubblicato il

Le nuove opportunità delle ICT e dell’e-commerce nei processi iniziali di internazionalizzazione delle PMI abruzzesi

internazionalizzazione pmi

Il percorso di democratizzazione dell’export della piccola impresa è stato possibile grazie alle nuove ICT, che ha consentito alle imprese di ottenere abbondanti e preziose informazioni circa i mercati, di ridurre le barriere di accesso ai mercati internazionali, costi e tempi.

Oggi una platea sempre più ampia prova la strada dell’export e spesso sono proprio le piccole e micro imprese a provarla, perché si sono finalmente rese conto della necessità di proiettarsi verso l’estero data una realtà locale asfittica.

Continua a leggere Le nuove opportunità delle ICT e dell’e-commerce nei processi iniziali di internazionalizzazione delle PMI abruzzesi

Pubblicato il

La società postmoderna

Sono stati pochi i termini di cui negli ultimi anni si è così tanto parlato e a volte abusato quanto “postmoderno“, “postmodernismo“, “postmodernista“.

Il pensiero postmoderno ha abbracciato tutti i campi del nostro secolo: dall’architettura, alla geografia, la, storia, la psicologia, la sociologia, l’antropologia, la giurisprudenza e ovviamente l’economia.

Ma che cos’è questa nuova visione postomoderna? E  quali cambiamenti ha portato nella società?

Secondo gli esponenti più notevoli, il postmodernismo “filosofico” risulta dallo ‘scetticismo verso le metanarrazioni o qualunque cosa definisca l’idea di una spiegazione onnicomprensiva  e totalizzante; dall’eterotopia, ovvero la connessione con diversi spazi che neutralizza o inverte l’insieme dei rapporti da essi stessi designati‘.

Continua a leggere La società postmoderna

Pubblicato il

Il consumatore postmoderno

“La forza propulsiva dell’attività del consumatore non è una gamma di bisogni specifici, bensì il desiderio: un fenomeno molto più etereo ed effimero, sfuggente e volubile ed essenzialmente non referenziale: un impulso autogenerato ed autoperpetuato che non richiede alcuna scusante o giustificazione né in termine di fine né di causa”. (Fabris, 2009)

Nella società occidentale e in quelle più sviluppate del globo, i bisogni, intesi come induttori antecedenti al consumo, hanno ormai sempre più ceduto terreno ai desideri, i quali, risultano essere sempre più simbioticamente legati  alla ricerca di esperienza.

Ebbene, anche per quanto riguarda i beni di mercato, il nuovo consumatore può definirsi un “sensation seekers” che vi si rapporta in termini polisensoriali. Il consumo stesso si carica oggi di nuovi significati simbolici e può svolgere funzioni che esulano dai valori d’uso. Quello che importa non è tanto la simbologia di status che il consumo può produrre, quanto l’accesso a mondi vitali, fattori di appartenenza e il suo qualificarsi come dimensione ludica, spesso etica (Fabris, 2009).

Continua a leggere Il consumatore postmoderno