Pubblicato il

Arte e neuroscienze secondo Eric Kandel

arte e neuroscienze

In questo articolo vi propongo un conciso confronto fra arte e neuroscienze dal punto di vista di Eric R. Kandel, neurologo, psichiatra statunitense, tra i maggiori neuroscienziati del ventesimo secolo. Prenderemo come riferimento il suo libro, pubblicato nel 2017, “Arte e neuroscienze: le due culture a confronto“, nel quale esplora vividamente la relazione tra la creatività dell’arte e il funzionamento del nostro sistema nervoso.

Sicuramente un’ idea carina come regalo di Natale per appassionati di arte e neuroscienze o semplicemente curiosi. Continua a leggere Arte e neuroscienze secondo Eric Kandel

Pubblicato il

Workshop di economia comportamentale e neuroscienze per le aziende

workshop di economia comportamentale e neuroeconomia

Vi presento il primo Open Workshop di Economia comportamentale e Neuroscienze per le aziende organizzato dal Laboratorio di Economia comportamentale e Neuroeconomia del Dipartimento di Neuroscienze, Imaging e Scienze Cliniche dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara. in collaborazione con lo spinoff universitario UMANA-ANALYTICS.

L’incontro è aperto a tutti gli interessati e offre l’ opportunità  di trascorrere un pomeriggio assistendo ad una tavola rotonda dove professori, ricercatori universitari ed esperti aziendali si confronteranno sul tema “Le persone e il comportamento umano al centro dei processi di innovazione aziendale e di creazione di valore”.

Clicca qui per leggere i dettagli sull’evento.

Vi aspettiamo!

Pubblicato il

La persuasione occulta. Esiste davvero?

Brett-Ryder

Il tema dell’influenza subliminale, cioè quella presentata in modo tale da non raggiungere la soglia di consapevolezza dell’individuo, ha avuto indubbiamente un forte impatto sull’immaginario popolare.
Ma com’è nata la persuasione subliminale? Come si è sviluppata e quanto si è dimostra davvero efficace?

Scopritelo leggendo l’ articolo che ho scritto per il blog di  economiacomportamentale.it

Avrete modo di capire cosa c’è di reale, cosa è stato smentito da studi più recenti e cosa c’è ancora da scoprire.

Pubblicato il

Organizational behavior

organization_team

Oggi propongo a coloro che sono interessati ai temi delle neuroscienze cognitive e alle organizzazioni un articolo che ho appena scritto per il blog di economicomportamentale.it.

Approfondiremo un recente campo di indagine accademico, dai risvolti manageriali estremamente interessanti: le neuroscienze cognitive applicate alle organizzazioni.

Posta la necessaria prudenza nel non sottovalutare i limiti derivanti dall’applicazione delle neuroscienze ad altre discipline, resta difatti indubbia la grande opportunità, in termini di ricerca nell’ organizational behavior che questa nuova scienza, abile nel considerare sapientemente le intersezioni interdisciplinari esistenti tra società, organizzazioni e cervello può offrire!

Clicca QUI per leggere l’articolo.

Buona lettura 😀

Pubblicato il

Le nuove frontiere della user experience

eye-tracking-the-ux

A volte nell’utilizzare oggetti quotidiani dalla funzione semplice come impostare lo schermo tv col telecomando o utilizzare un’interfaccia grafica per mandare una mail capita di sentirsi persi.

Dov’è il tasto invio?
Ah sì eccolo, sul tasto c’è scritto COMPONI e si trova in alto a destra.

Frustrante, vero? Continua a leggere Le nuove frontiere della user experience

Pubblicato il

Neuromarketing

neuromarketing

Una parola che sta destando notevole interesse sia in ambito accademico che aziendale.

Una nuova urgenza, quella di conoscere i meccanismi che regolano il cervello umano per veicolare messaggi incisivi, sempre più su misura: anche il marketing si evolve e lo fa abbracciando tecniche e metodologie delle neuroscienze.

Sai cos’è il neuromarketing?
Ti incuriosisce?
Vuoi approfondimenti?

Troverai le risposte a queste domande nell’articolo che ho scritto questo mese per il blog di economia comportametale  della sezione di Economia Comportamentale e Neuroeconomia del dipartimento di Neuroscienze, Imaging e Scienze Cliniche dell’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara.

Ti propongo un breve viaggio tra le origini, la ragion d’essere e le tecnologie volte a misurare le attività fisiologiche di cui il neuromarketing si avvale e ovviamente non mancheranno le riflessioni critiche a riguardo.

Se sei interessato/a, non mi resta che augurarti una buona lettura 😃

Clicca QUI per leggere l’articolo

Pubblicato il

Avere una scelta di acquisto sempre più ampia è davvero un vantaggio?

Non si può negare che la scelta migliori la qualità delle nostre vite. Ci consente di controllare i nostri destini e avvicinarci a ottenere esattamente ciò che vogliamo in qualsiasi situazione. La scelta è ciò che ci consente di dire al mondo chi siamo e cosa ci interessa, ogni scelta che facciamo è una testimonianza della nostra autonomia.

La modernità ha fornito un’esplosione di scelta in due diversi aspetti: da una parte nelle aree della vita in cui le persone hanno sempre avuto già possibilità di scelta, il numero di opzioni disponibili per loro è aumentato drammaticamente, dall’altra, nelle aree della vita in cui c’erano poche o addirittura nessuna scelta, ora sono apparse opzioni copiose. Continua a leggere Avere una scelta di acquisto sempre più ampia è davvero un vantaggio?

Pubblicato il

Il premio Nobel conferma la spinta gentile verso un’ economia comportamentale

Il premio Nobel, onorificenza dal valore mondiale attribuita ogni anno a persone che si sono distinte nei diversi campi del sapere, apportando «i maggiori benefici all’umanità» per i propri studi, scoperte e invenzioni, conferma anche per quest’anno la spinta gentile verso un’ economia comportamentale, ovvero la disciplina  nota per esplorare come i bias psicologici inducano la gente ad agire in modi lontani dal puro interesse razionale.

Continua a leggere Il premio Nobel conferma la spinta gentile verso un’ economia comportamentale